«

»

Lug 12

ANTARES e la classificazione dei funghi

Determinare con esattezza la specie di appartenenza di un fungo richiede il più delle volte lo studio approfondito di tutte le caratteristiche degli esemplari presi in esame, e a volte neanche questo può essere sufficiente. Solo in pochi casi, avendo a che fare con specie dalle evidenti peculiarità si arriva ad una diagnosi esatta basandosi sui pochi dati rilevabili per esempio da una fotografia.
Quando poi la classificazione ha lo scopo di accertare la commestibilità, in nessun caso ci si può basare su una verifica “a distanza”; anche qualora fosse possibile riconoscere la specie, non si avrebbero sufficienti informazioni sulle modalità di raccolta e sullo stato di conservazione.

Tra gli scopi statutari dell’associazione Antares vi è la diffusione della cultura in ambito naturalistico. La Sezione di Micologia porta avanti questo impegno organizzando mostre ed eventi improntati alla didattica, culminanti nel periodo autunnale nelle serate di classificazione del lunedì, dove vengono poste le basi per un corretto approccio alla materia con l’osservazione dal vivo di esemplari freschi e la divulgazione delle corrette metodiche utili al riconoscimento delle specie.
La richiesta di “consulenze” anche attraverso gli strumenti messi a disposizione dalla tecnologia informatica, può essere considerata un’utile tappa nel lungo percorso formativo, dovere di ogni onesto appassionato di funghi, ma non deve rappresentare una facile scorciatoia per ottenere velocemente risultati che altrimenti richiederebbero tempo e pazienza.
Antares allo scopo mette a disposizione un indirizzo mail a cui rivolgere questioni legate ai vari aspetti della scienza micologica. E’ sufficiente compilare in tutte le sue parti il modulo qui sotto.



Privacy

Non verranno tuttavia prese in considerazione richieste di pareri circa la commestibilità; meglio rivolgersi, gratuitamente, agli Ispettorati Micologici delle ASL competenti. Antares invita anzi gli appassionati ad interessarsi al variegato mondo dei funghi nei suoi aspetti naturalistici, scientifici, ecologici senza limitarsi alle questioni meramente utilitaristiche. Ben altre soddisfazioni possono infatti venire ad esempio dal ritrovamento e riconoscimento di una specie considerata rara, dallo scatto di una valida fotografia, dalla comprensione dei delicati equilibri che regolano la convivenza tra funghi e vegetali negli ambienti di crescita, dalla semplice frequentazione degli stessi ambienti, il cui rispetto deve costituire la priorità di tutti i frequentatori.